L’alchimista

  • L’alchimista racchiude messaggi rivelatori su come intraprendere il viaggio della nostra vita
  • Insegui i tuoi sogni, le tue mete
  • Se fai il primo passo la vita ti premia
  • Maktub, segui i segnali
  • Se decidi di partire, devi lasciarti dietro qualcosa
  • Come è dentro, cosi è fuori

Scopri il libro dell’Episodio >

Trascrizione del Podcast

Siamo in piena estate, molti di voi saranno affaccendati a godersi il mare, la montagna, o le mura della propria casa, un pò di meritato riposo, anche se siamo in una epoca dove non si stacca mai la spina, nemmeno il tempo di andare via che è già ora di tornare, non come negli anni 90, che si spariva da giugno a settembre,

In un epoca dove la gente sembra essersi smarrita, dove pochissimi ascoltano il proprio cuore e seguono il loro cammino, la loro leggenda personale, vi vorrei parlare di uno dei libri che più mi ha lasciato il segno, l’alchimista di paulo Coelho.

“L’alchimista” può essere letto sotto l’ombrellone, prestando attenzione alla narrativa, alla storia di Santiago, il pastore che viene dall’Andalusia e inizia un viaggio verso le piramidi d’Egitto. Si può saltare qualche riga mentre le onde sbattono sulla riva, i bambini schiamazzano, il sole brucia e la sabbia ci accarezza i piedi, ma può anche essere letto in modo diverso, cercandone i segreti tra le pagine, perché “L’alchimista” è un libro simbolico, e scegliere di leggerlo in questo modo è un’esperienza completamente diversa.

Saluti ai lettori e ascoltatori

Nell’episodio di oggi proviamo a tirar fuori i messaggi più importanti di questo testo, senza spoilerare la storia. Ma prima salutiamo Luca dall’Australia e il caro Paolo da Verona, che mi ascolta in macchina mentre va a lavoro, saluti richiesti dalla sua compagna Francesca! Quando mi ascoltate in coppia mi sento veramente lusingato. Un abbraccino quindi.

Paulo Coelho e l’alchimia

Un autore con un passato spirituale

Pensate che Paulo Coelho ha studiato alchimia per più di dieci anni. In molti passaggi del libro il carattere esoterico, ermetico, simbolico, viene fuori in maniera chiara, sta a noi volerlo leggere e ascoltarlo in questo modo. L’autore ha avuto un trascorso molto spirituale, per diverso tempo ha ricercato delle risposte e lo ha fatto in posti mistici, esoterici, ha cercato un’iniziazione spirituale, poi se ne è distanziato, ma certe cose ti rimangono dentro.

Un invito a inseguire i propri sogni

Il libro è un invito a inseguire i propri sogni, la propria leggenda personale, come la chiama la figura che spesso appare nel racconto sotto varie forme. E ci sono alcuni passaggi che possono motivarci, ispirarci a continuare questo viaggio, o in alcuni casi iniziarlo. I prossimi minuti del podcast saranno un mix di passaggi dell’alchimista e opinioni personali. Nel nostro percorso, questo libro è fondamentale, sempre e quando letto con una profondità che va oltre la storia di Santiago, e penso che durante questi giorni di riposo, approfittando che lo stress non ci annebbia la vista, possiamo vedere con più chiarezza i messaggi dell’alchimista e applicarli alla nostra esistenza, perché questo non è solo un libro, ma un viaggio iniziatico.

Primo messaggio: insegui i tuoi sogni, le tue mete

La metafora delle barche nel porto

Le barche sono al sicuro in un porto, protette dalle intemperie, dalle tormente e dalle onde rabbiose che sprigiona il mare, ma non è per rimanere parcheggiate in un angolo di mare piatto che sono state costruite. Di questo si tratta: scegliere di salpare l’ancora e partire, come ha fatto Santiago, il protagonista della storia. Partire verso un’avventura, perché è proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante.

L’importanza di ascoltare il cuore

La realtà invece è ben diversa. La maggior parte di noi è incapace di scegliere e seguire il proprio destino, e finisce per vivere un’esistenza insoddisfacente, lasciandosi schiacciare dalle pressioni della società, facendo le cose che vanno fatte. Molti di noi a un certo punto della vita, scavano una buca in giardino, e ci seppelliscono il proprio sogno. Smettiamo di ascoltare il cuore, che prima ci grida con tutte le forze cosa dobbiamo fare, poi inizia a parlarci, e infine a sussurrare fino a quando smettiamo di sentirlo. Ed è una scelta quella di ascoltarlo o meno, ma troppi di noi a un certo punto preferiscono non sentirne più la voce.

La leggenda personale

La leggenda personale è quello che hai sempre desiderato fare. Tutti, quando siamo giovani, lo sappiamo. In quel periodo della vita è tutto chiaro, è tutto possibile e gli uomini e le donne non hanno paura di sognare e di desiderare tutto quello che vorrebbero fare nella vita. Ma poi man mano che il tempo passa, una misteriosa forza comincia a tentare di dimostrare come sia impossibile realizzare la tua leggenda personale. Forse proprio perché scopriamo così in fretta la nostra ragione di esistere, finiamo per desistere altrettanto presto. Ma così è il mondo.

Secondo messaggio: se fai il primo passo, la vita ti premia

Il principio favorevole

Se invece iniziamo il nostro cammino, la nostra avventura, cominciano a succedere delle cose che ci confermano che è il viaggio giusto, che è la direzione giusta. È il principio favorevole, o a volte chiamata fortuna del principiante, perché la vita vuole che tu viva la tua leggenda personale. E per questo motivo, appena fai il primo passo, sei come spinto da una forza benevola che ti aiuta, perché quando vuoi una cosa, tutto l’universo trama affinché tu riesca ad ottenerla.

Accettare le benedizioni

Durante questo viaggio ricevi delle benedizioni, accettatele. Qualunque benedizione che non viene accettata si trasforma in una maledizione. Se sei in un momento di grazia, non accontentarti, cavalca l’onda. Sono i segnali che ti spingono verso le piramidi. E non pensare mai di non meritare questa generosità, la vita potrebbe essere in ascolto, e la prossima volta concederti meno.

Le prove difficili

Ma è solo il primo passo. Poi altre prove ti aspettano, e saranno prove molto difficili dove questa fortuna, questo principio, non verrà più in tuo soccorso e dovrai essere tu a tirartene fuori, a trovare la forza e il coraggio di andare avanti quando tutto vuole mandarti indietro. Soprattutto quando sei vicino alla tua meta ti troverai davanti a una sfinge, a un bivio, a una scelta. Ti troverai senza niente, e proprio come Santiago, in un momento di disperazione devi fare una scelta, e decidere come percepire il mondo. Puoi guardarlo come una povera vittima, o come un avventuriero in cerca della sua leggenda personale, e trattare il problema come una sfida, qualcosa da superare, un ostacolo nel tuo cammino, che ti darà la forza di andare avanti con più vigore e con più determinazione, invece che arrenderti e abbandonare.

Terzo messaggio: come è dentro, è anche fuori

Il principio delle culture iniziatiche

È un principio che ti insegna qualunque cultura iniziatica: quello che succede fuori è un riflesso di quello che succede dentro. Tutto è una sola cosa, per cambiare le forze esterne devi sistemare i tuoi pensieri, renderli nitidi, affilati, privi di paura e timore. Così facendo, lavorando dentro di te, potrai cambiare quello che succede fuori. Se sei nella merda oggi, non cercare di cambiare tutto quello che ti circonda. Fermati, medita, rifletti e cambia quello che succede dentro di te. Vedrai effetti pressoché immediati fuori. Ma è un percorso.

Pazienza e sforzo

Durante una fase del viaggio, Santiago è costretto a ripartire da zero, a fermarsi, ha perso tutto. Serve pazienza e sforzo. Niente succede subito e senza metterci del tuo. Qualunque meta o obiettivo è un viaggio lungo, vanno vissuti come una maratona, non come uno sprint. Diffida da chiunque ti offra formule magiche o risultati immediati: non esistono. Sono truffe che rendono ricche le persone che vendono queste formule a discapito di altre persone che cercano scorciatoie.

Imparare a leggere i segnali

Quando prendi una decisione e inizi un viaggio, cominci a scivolare in una corrente che ti porta in luoghi sconosciuti. La tua capacità di osservare i segnali diventa cruciale. Succedono tante cose intorno a te, è importante osservarle perché ognuna di esse ha un significato preciso.

Quarto messaggio: se decidi di partire, devi lasciarti dietro qualcosa

Il prezzo del cambiamento

Chi è abituato a spostarsi sa che arriva sempre il giorno in cui dovrà ripartire, metaforicamente, avanzare nella propria avventura. Quante volte desideriamo una vita diversa da quella che abbiamo, ma non siamo disposti a perdere e sacrificare la nostra attuale esistenza per ricercarne una diversa. Se un bicchiere è pieno d’acqua, devi prima svuotarlo se vuoi versarci del vino. Se vuoi qualcosa di nuovo, devi cedere qualcosa prima di ottenerlo. C’è sempre una tassa da pagare nella vita.

La trasformazione

Ogni decisione cruciale che prendiamo, e non ne prendiamo poi così tante, parlo di quelle decisioni che spostano completamente la prua della tua nave e la indirizzano verso delle coordinate completamente diverse. Quando prendi queste decisioni, ti lasci sempre qualcosa dietro, perdi un pezzo di te stesso. È difficile, triste e doloroso, ma è parte della trasformazione. È un salto verso l’ignoto, ma c’è da farlo senza timore, senza paura.

L’amore e la leggenda personale

C’è un momento della storia dove un’altra grande lezione entra in scena. Santiago si trova in un’oasi e conosce una splendida donna del deserto, Fatima, ma lui sta percorrendo il suo viaggio, sta vivendo la sua leggenda personale, e non può fermarsi. Ma l’amore, quello vero, permette alle persone di continuare a evolversi, ad avanzare. Fatima gli dice: sono una donna del deserto, so aspettare il mio uomo. E così deve essere in ogni relazione, in ogni storia d’amore. Uomo e donna devono permettere alla persona che amano di vivere la propria leggenda personale senza freni né impedimenti. L’amore non può rappresentare un ostacolo. Maktub: se è scritto che due persone debbano stare insieme, il modo si trova sempre.

Vedere lo straordinario nell’ordinario

Un cammelliere con cui Santiago fa amicizia, gli insegna un grande segreto: vedere lo straordinario nell’ordinario. Una guerra tra tribù è in atto durante la traversata, la paura potrebbe prendere il sopravvento della carovana, ma il cammelliere gli dice: sono vivo. Mentre mangiava un piatto di datteri, mentre mangio non faccio altro che mangiare, mentre cammino non faccio altro che camminare. Il giorno in cui dovrò combattere, sarà un buon giorno per morire. Perché io non vivo né nel mio passato né nel mio futuro. È il presente che mi interessa, ed è l’unica cosa che possiedo. Se riuscirai a mantenerti nel presente sarai un uomo felice, la vita sarà una festa, un grande banchetto, perché è sempre il momento che stiamo vivendo.

Ultimo messaggio: il viaggio è la vera scoperta

Il deserto come metafora

Durante il viaggio, Santiago deve attraversare il deserto, che ha le sue leggi, le sue regole. E chi entra nel deserto non può tornare indietro. Il deserto nel libro è una delle ultime fasi della sua avventura, e ci arriviamo tutti a un certo punto in cui ci tocca fare un salto senza la corda, attraversare un ponte che cade dietro di noi. Possiamo solo avanzare e preoccuparci del modo migliore di farlo, senza guardare indietro. Abbiamo visto come nelle prime fasi del viaggio la fortuna del principiante, il principio favorevole ci aiuta, ma verso la fine del viaggio, lì serve altro. Serve perseveranza, coraggio, non c’è da affrettarsi né da spazientirsi. Dobbiamo mantenere la concentrazione e la forza anche quando stiamo per toccare con mano la nostra meta. Anche se siamo giunti lontano, non possiamo mai fidarci del deserto perché è una prova per tutti gli uomini e controlla ogni passo, e uccide chi si distrae. Questo è il momento in cui la maggior parte degli uomini desiste, morire di sete quando le palme compaiono all’orizzonte. L’ora più buia è quella che precede il sorgere del sole. Spesso inciampiamo sulla stessa pietra. C’è un proverbio arabo che dice: tutto quanto accade una volta potrebbe non accadere mai più, ma quello che accade due volte, accadrà certamente una terza. Imparate dagli errori, la vita te li mette davanti, sempre gli stessi, fino a che tu impari. Se continui a cadere sulla stessa pietra, troverai solo altre pietre davanti a te.

Il vero tesoro è il viaggio

Ultimo grande insegnamento e ultima fase dell’iniziazione è comprendere che quando abbiamo dei grandi tesori davanti agli occhi non ce ne accorgiamo mai, perché non crediamo ai tesori. Facciamo lunghi viaggi per raggiungere una meta che avevamo davanti agli occhi. Per questo è importante il viaggio, perché quando tornate indietro, quando arrivate dove dovevate arrivare, avrete acquisito le abilità e le conoscenze che vi servono per capire che quello che desiderate, quello che vi rende felici, che vi completa, spesso ce lo avete davanti.

Maktub amici, Maktub

Impara

Leggi il libro

Una marcia in più per raggiungere i tuoi obiettivi.

Migliora

Parla con Davide.

Effettua il primo passo verso un cambiamento.

2 risposte

  1. Sei sempre d’ispirazione, complimenti.. ma quando colori i tuoi podcast con delle tue esperienze e con qualche parolaccia.. WOW.. quello che racconti o che spieghi rimane, per me, molto più impresso nella testa.
    Cavolo tanti libri che spiegano e che narrano di come sia importante spegnere la mente.. forse devo rivedere il mio “capo turno” che mi consigliò di non pensare: tu sei pagato per lavorare, non pensare!!
    Forse è un maestro zen e io non lo capito.
    Scherzi a parte, grazie Davide, il tuo podcast è magnetico e affascinante.
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il percorso professionale

con Davide Mastrosimone

Per chiunque desideri acquisire o migliorare abilità specifiche come la vendita, l’uso del linguaggio del corpo, il parlare in pubblico, la gestione delle emozioni, o la creazione di strategie professionali, questo percorso è ideale. Si inizia con una seduta conoscitiva per creare un percorso personalizzato. Successivamente, si passa a quattro sedute pratiche con Davide, per un totale di cinque sedute. Questo approccio permette di tirare fuori il meglio di sé in ambito professionale.

Informazioni sul percorso
Cosa comprende
  • 5 sedute con Davide 
  • Il percorso dura massimo 2 mesi 
  • Una seduta dura 60 minuti
  • Il costo è di 750 euro netti

* Al costo va sommato il 4% di oneri INPS. Il percorso di coaching non è rimborsabile. 

Le tre sedute

con Davide Mastrosimone

Per chiunque stia attraversando un momento difficile e abbia bisogno di un confronto per decidere che strada percorrere o per capire i motivi di certe decisioni prese, questo percorso offre un aiuto concreto. Una singola seduta ha un tempo limitato e serve per conoscersi meglio. Con tre sedute, è possibile comprendere meglio la situazione, pianificare le azioni da intraprendere e iniziare a metterle in pratica. Questo percorso è pensato per offrire il supporto base necessario ed aiutarti a ritrovare la direzione.

Informazioni sul percorso
Cosa comprende
  • 3 sedute con Davide 
  • Il percorso dura massimo 2 mesi 
  • Una seduta dura 60 minuti
  • Il costo è di 280 euro netti

* Al costo va sommato il 4% di oneri INPS. Il percorso di coaching non è rimborsabile. 

I sette colpi di machete

con Davide Mastrosimone

Un percorso completo fatto di 9 sedute da un’ora, l’obiettivo è cambiare la tua identità, l’immagine che hai di te stesso, andare a sostituire alcuni ingranaggi con altri nuovi che ti permettano di riprendere il controllo della tua vita. Il percorso si compone di una seduta conoscitiva, 7 sedute pratiche che toccano 7 diversi strumenti da applicare subito con degli esercizi pratici dedicati alla tua attuale situazione,  infine un’ultima seduta per tirare le somme. Durante il percorso avrai una linea diretta con Davide via mail e due sedute di urgenza di 15 minuti quando necessarie. 

Informazioni sul percorso
Cosa comprende
  • 9 sedute con Davide 
  • Il percorso dura massimo 3 mesi 
  • Una seduta dura 60 minuti
  • Il costo è di 1.500 euro netti

* Al costo va sommato il 4% di oneri INPS. Il percorso di coaching non è rimborsabile.